Tu chiamalo progresso, se vuoi

Woman’s Day #throughglass: Non ha bisogno di molte spiegazioni nonostante non si capisca finchè non si arriva a vederlo sino in fondo questo video che racconta la vita (e la violenza subìta) di una donna attraverso i suoi  Google Glass…

I registi (presumibilmente vivono a Londra, visto che lì è stato girato) hanno voluto rimanere completamente anonimi: il focus non devono essere loro ma la condizione della donna. E infatti sul loro profilo di Youtube si legge

“Woman’s Day #throughglass” is a project whose only purpose is to make people think, on this special day, about the condition of women in our society. There’s no client or association behind it. […] If you want to help, get in contact with your local association against domestic violence”.

Mi sembra un proposito davvero nobile, per una volta nella società dell’ego, qualcuno si fa da parte per lanciare un messaggio, solo e soltanto un’espressione artistica che aiuti – forse – a sensibilizzare tutti sul tema della violenza sulle donne.

Ah. Buon 8 marzo.